LA CERVICALGIA E LA TERAPIA CON LA MAGNETOTERAPIA – CEMP

LA CERVICALGIA E LA TERAPIA CON LA MAGNETOTERAPIA – CEMP

La cervicalgia, conosciuta anche come “cervicale”, è un disturbo muscolo scheletrico molto diffuso tra la popolazione e viene inteso come un dolore generico al collo, che si protrae per un periodo di tempo variabile tra mesi/anni.

Colpisce, solitamente, il tratto cervicale della colonna vertebrale e, essendo questo punto uno dei più sensibili e vulnerabili del corpo umano, il disturbo viene percepito a livello di nervi, muscoli e vertebre del tratto cervicale. Questa patologia è legata a diverse cause: tra tutte, sicuramente le più importanti e frequenti sono la sedentarietà, i colpi di freddo e la postura scorretta, anche se, solitamente, causano un dolore leggero e sopportabile.

Un tipo di dolore più intenso, invece, è legato ad altre cause scatenanti come: colpo di frusta, degenerazione di uno o più dischi intervertebrali, ernia cervicale, ipercifosi dorsale e iperlordosi lombare (rispettivamente, accentuazione della fisiologica curva dorsale della colonna e eccessivo inarcamento del tratto lombare), lesioni traumatiche pregresse, spondilosi ed osteofiti (escrescenze ossee localizzate sulla stessa suerficie dell’osso).
Il dolore può essere provocato o accentuato anche da alcune condizioni come, per esempio, una posizione sbagliata durante il sonno, con un materasso troppo morbido o un cuscino non adatto, l’assunzione di una posizione scorretta durante la guida, specie dopo ore al volante, lo stress che, oltre ad essere una delle cause di cervicalgia, può accentuare anche un dolore cervicale pre-esistente. Uno dei sintomi classici di cervicalgia è il “torcicollo”, una condizione dolorosa che ostacola i movimenti ti naturali del tratto cervicale.

Poiché, come detto, la patologia coinvolge anche i nervi, in questo caso il paziente avverte sensazioni di intorpidimento, formicolii e debolezza del braccio e della mano e l’intensità del dolore sarà legata ala gravità della causa scatenante. Dato che la cervicalgia può nascondere diverse cause di origine, è necessaria una diagnosi accurata tramite, innanzitutto anamnesi ed esame obiettivo, poi radiografia del rachide cervicale, tac eventualmente associata a mielografia (per scongiurare un potenziale coinvolgimento del midollo spinale), MRI ed elettromiografia.

Per la terapia, bisogna intervenire sulla causa e procedere in una serie di step: alleviare la rigidità, ridurre l’infiammazione e correggere a postura. Per correggere la postura e ridurre la rigidità possono essere messi in atto una serie di esercizi, mentre per l’infiammazione un valido aiuto è rappresentato dalla magnetoterapia . Ancora una volta, l’utilizzo di campi magnetici pulsatili a bassa frequenza si rivelano essere un valido aiuto per ridurre infiammazione e dolore: la magnetoterapia, in caso di cervicalgia, porta a un aumento dell’irrorazione vascolare verso le cartilagini. Anche in questo caso, come per la lombalgia, la magnetoterapia riduce notevolmente lo stato edematoso alleviando dolore e compressione nervosa, mentre l’attivazione dei fibroblasti determina produzione di fibre collagene ed elastiche, migliorando il tessuto connettivale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Noleggio Magnetoterapia Professionale

Noleggio Magnetoterapia Professionale

noleggio magnetoterapia professionaleLa nostra magnetoterapia a noleggio oggi è usata anche dal ex Portiere del Napoli Gennaro Iezzo, La magnetoterapia cemp a noleggio può aiutare in molti casi di gonalgia e può essere usata sia di giorno che di notte. Ovviamente come spesso segnaliamo di effettuare la magnetoterapia sempre dopo consiglio medico, questo per evitare di perdere tempo ed effettuare una terapia non ottimale. Il noleggio della magnetoterapia va in media effettuato da un minimo di giorni 20 fino a terapie che vanno dai 60 ai 90 giorni in caso di patologie più severe. Per maggiori informazioni di noleggio siamo a Vostra disposizione tutti i giorni dalle otto del mattino fino alle 21 festivi compresi. Ogni giorno cerchiamo di migliorarci e di essere sempre più efficienti per garantire il massimo della professionalità. Il nostro punto di forza è la nostra assistenza continua e la rapidità di consegna solitamente dalle 24 alle 48 ore. 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Le fratture ossee, cosa sono e come curarle

fratture trattate con magnetoterapia

Le fratture ossee, cosa sono e come curarle

Quando si parla di frattura bisogna specificare alcune cose fondamentali come ad esempio se sono di origine traumatica o patologica ( cioè spontanea). Le Fratture dette in parole povere non sono altro che una interruzione della struttura dell’osso.

La frattura in caso di un evento traumatico, come per esempio un incedente, si ha quando si superano i limiti di resistenza della parte ossea coinvolta. In ogni caso c’è da considerare il fattore età, sesso e zona corporea che ha subito il trauma, Ovviamente un soggetto in eta avanzata e di sesso femminile avrà quasi sicuramente un limite di resistenza ossea molto più basso rispetto ad un latro soggetto di età giovanile. Soggetti in età avanzata potranno avere più facilità di frattura ossea rispetto ad un giovane poiché più soggetti ad osteoporosi.

Altri tipi di fratture possono essere quelle da stress che si presentano sopratutto in soggetti sportivi, che sovraccaricando le strutture con continue sollecitazioni a livello osseo possono portare a situazioni di frattura da stress, le quali in molti casi sono molto difficili da individuare e si propongono nella maggior parte dei casi in strutture come metatarso o caviglie.
Le fratture si possono catalogare in maniera semplificata in: Frattura Composta, Frattura Chiusa esposta, Completa e incompleta, traverse oblique,spiroidi,longitudinali,semplici,pluriframmentarie, scomposte

In molti casi di frattura ossea e consigliato l’uso di magnetoterapia detta anche magnetoterapia cemp a bassa frequenza. 


Tratto da https://www.my-personaltrainer.it/fratture-osse.htm

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Consigli sulla pressoterapia a casa

consigli pressoterapia a casa

Consigli sulla pressoterapia a casa

L’uso della pressoterapia domiciliare è conveniente rispetto ad un uso presso un centro per diversi motivi, che variano dal lato economico a quello pratico.
L’aspetto economico dell’utilizzo della pressoterapia direttamente a casa è uno degli aspetti principali che spinge a noleggiare la pressoterapia. Per avere un netto risparmio un consiglio che ci sentiamo di dare è quello di noleggiarlo con più persone , come amici o parenti in modo da poter condividere l’apparecchiatura con più persone e quindi di dividere i costi. il nostro slogan è “condividi il benessere dividi le spese”
Un latro metodo per poter risparmiare è quello di noleggiare la pressoterapia per periodi lunghi fino a tre mesi, poiché più giorni di noleggio si effettuano meno si paga sul costo giornaliero.

Una domanda che sicuramente state pensando ora è : ma la pressoterapia che noleggio è la stessa che usano i centri estetici, è efficace ?

Le apparecchiature che diamo a noleggio sono completamente professionali e sono studiate sia per un uso a casa che in studio. sono composte da due gambali e una fascia addominale che possono essere utilizzate contemporaneamente. sono prodotte interamente in italia dalla ditta Fisiopress e sono indicate sia per un uso medico che estetico. In ogni caso è sempre meglio informare il proprio medico che si vuole effettuare la pressoterapia, per non incombere in controindicazioni.

Il nostro consiglio, se si vuole utilizzare la pressoterapia per un uso estetico è sempre quello di abbinare la pressoterapia ad un’attività fisica ed una corretta alimentazione per avere il massimo del beneficio e sopratutto di effettuare una visita dal proprio medico prima di effettuare qualsiasi trattamento sia in ambito medico che estetico

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Gara Podistica a Capua “Corri nella storia, memorial V. Manna” – Sponsor Tecnico

Gara Podistica a Capua “Corri nella storia, memorial V. Manna” – Sponsor Tecnico

gara capua memorial

Siamo Onorati di aver partecipato come Sponsor tecnico alla Gara Podistica tenuta a Capua  oggi 25/11/2018 “Corri nella storia, memorial V. Manna” . La giornata è stata ricca di emozioni e anche se la pioggia è stata continua e incessante, non ha impedito di correre per 10 KM sia con le gambe che con il cuore. Ringraziamo Tutti gli amici di Capua, Podisti e non, per averci fatto vivere una grande emozione. Grazie da tutto lo staff di noleggioelettromedicali e noleggiomagnetoterapia.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
Noleggio elettromedicali per la riabilitazione Fisica

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Patologie della cuffia dei rotatori, sintomi e cura.

Patologie della cuffia dei rotatori, sintomi e cura.

Con il termine “patologia periarticolare della spalla” si intende tutta la patologia dolorosa e invalidante delle strutture periarticolari della spalla.

In realtà, è stato visto che la maggior parte di queste sindromi è da attribuire a una patologia dei muscoli extrarotatori della spalla e, in particolare, a un processo degenerativo che colpisce il tendine del sovra spinoso nello spazio compreso tra la testa dell’omero e il cosiddetto “arco coraco-acromiale”.

I muscoli extrarotatori della spalla sono il sovraspinoso, il sottospinoso, il sottoscapolare e il piccolo rotondo. I loro tendini, inserendosi sulla testa dell’omero, la ricoprono quasi totalmente ì, andando a costituir nel loro insieme la cosiddetta “cuffia dei rotatori”, struttura anatomica interposta, quindi tra l’articolazione scapolo omerale e l’arco coraco-acromiale.

Tra i tendini extrarotatori, quello del sopraspinoso è il più esposto, per la sua posizione, a subire fenomeni di usura: ciò può verificarsi sia a seguito di microtraumi ripetuti durante gli anni, sia per intense e itertive sollecitazioni del muscolo deltoide, sia soprattutto per restringimento patologico dello spazio coraco-acromion-omerale.

La tendinopatia del sopraspinso è una patologica frequente in adulti ultracinquantenni o in giovani adulti dediti a sport che comportano elevato impegno dell’arto superiore. La sintomatologia è caratterizzata a dolore riferito nella regione anteriore o superiore della spalla : di norma conseguente a uno sforzo.

La diagnosi si basa sul dolore spontaneo che si accentua alla pressione esercitata in sede pre-acromiale e sulla positività ad alcuni test specifici. La prognosi è favorevole in rapporto alla precocità e alla correttezza del trattamento che si avvale di somministrazione di FANS e infiltrazione locale di cortisonici e anestetici.

La magnetoterapia è molto efficace nel trattamento del dolore e agisce attivando i processi riparativi dei tessuti, delle ossa, dei tendini, mediata dall’aumento del flusso circolatorio e dalla ripolarizzazione cellulare, con conseguente effetto antinfiammatorio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Le contusioni cosa sono e come si curano

Le contusioni cosa sono e come si curano

Per azione di un trauma diretto (corpo contundente,arma da punta e taglio, etc…) i fasci muscolari possono andare incontro a contusioni o ferite. Talvolta l’agente traumatico è rappresentato da un frammento di frattura o anche dalla stessa contrazione muscolare, se particolarmente brusca.
Le contusioni, in particolare, comprendono tutta una gamma di lesioni che vanno dall’infiltrazione ematica del muscolo, alla frammentazione e necrosi di alcuni fasci muscolari.
Anche i tendini possono andare incontro a contusioni (anche se abbastanza rare), a ferite o talvolta a rotture sottocutanee.
Distinguiamo lesioni con caratteristiche diverse: ecchimosi, ossia contusioni in cui rimanendo integro lo strato superficiale, si ha la rottura di piccoli capillari sanguigni con conseguente stravaso ematico; ematoma, ossia contusione in cui si ha la rottura di vasi sanguigni più grandi con conseguente emorragia significativa e la raccolta di sangue può restar circoscritta o infiltrare i tessuti circostanti, abrasione, ossia contusione caratterizzata da micro rotture degli strati più superficiali dell’epidermide; escoriazione, quando la discontinuità interessa gli strati più profondi e si accompagna a modeste lesioni vascolari.
La sintomatologia si esplica nel dolore locale e nella difficoltà o l’impossibilità a contrarre il muscolo traumatizzato. Queste lesioni, anche se abitualmente guariscono spontaneamente col riposo e opportuna fisioterapia, talvolta possono dare luogo a complicazioni, come rigidità articolari e ossificazione del tessuto muscolare.
La terapia è inizialmente fisioterapica (ultrasuoni, magnetoterapia, onde d’urto); chirurgica nei casi in cui le turbe funzionali sono notevoli e la terapia incruenta non ha avuto i risultati sperati.
La magnetoterapia può messere molto utile per trattare questi traumi poiché stimola la rigenerazione dei tessuti mediante un meccanismo ripolarizzante delle membrane cellulari e una neuroregolazione delle attività biochimiche tissutali. Promuove, quindi, un’accelerazione di tutti i fenomeni riparatori con azione biorigenerante, antinfiammatoria, antiedematosa e antalgica.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Lombosciatalgia cause e cura

Lombosciatalgia cause e cura

La lombo sciatalgia è una sindrome dolorosa caratterizzata dall’interessamento dell’arto inferiore nel territorio di innervazione del nervo sciatico, appunto. E’ espressione di una sofferenza radicolare, dovuta spesso a un’ernia discale oppure ad altri fattori che possono determinarla.
I sintomi si distinguono in radicolari e periferici. Tra i primi, troviamo dolore in sede lombare, trafittivo; si accentua alla pressione esercitata in sede paravertebrale, in corrispondenza del disco interessato; in genere, dopo alcuni giorni, il dolore spontaneo si attenua mentre rimane quello provocato localmente e quello irradiato all’arto inferiore; rigidità del rachide lombare, con netta limitazione di qualsiasi movimento del tronco; contrattura muscolare, resa evidente anche all’ispezione per la salienza delle masse paravertebrali sulla regione lombare, per appianamento della fisiologica lordosi, per l’atteggiamento scoliotico ed in flessione anteriore mantenuto dal paziente nella stazione eretta.
La sintomatologia periferica, invece, riguarda l’irradiazione dolorosa lungo il dermatomero corrispondente alla radice interessata.
Il trattamento maggiormente consigliato e che trova maggiori indicazioni è quello incruento e consiste in riposo a letto, terapia medica antiflogistica, antidolorifica e miorilassante, cauta fisioterapia, agopuntura, ozonoterapia ma anche magnetoterapia.
Come agisce quet’ultima? Agisce direttamente controllando la pompa sodio potassio, ristabilendo il potenziale di lesione. In più, ha un effetto analgesico, inibendo a livello post-sinaptico, le fibre C responsabili della trasmissione della componente lenta del dolore, bloccando il gate control e la liberazione di sostanze algogene e pro-infiammatorie, come l’istamina. In più, a livello ipofisario, favorisce la produzione di endorfine e cortisolo, riducendo dolore, edema e infiammazione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Cos’è la sindrome del tunnel carpale

Cos’è la sindrome del tunnel carpale

La sindrome del canale del carpo, detta anche sindrome del tunnel carpale, è una sindrome irritativa o compressiva del nervo mediano, che si presenta frequentemente in soggetti femminili ultracinquantenni.
E’ caratterizzata da intense parestesie che interessano la faccia palmare delle prime tre dita della mano e della metà radiale del quarto dito (il territorio di distribuzione sensitiva del nervo mediano, appunto).
E’ dovuta, generalmente, alla compressione lenta e graduale del nervo che viene spinto contro il legamento trasverso del carpo, a causa della tumefazione infiammatorie delle guaine dei tendini delle dita.
Nel tempo, la sintomatologia parestetica può diventare intollerabile e aggravarsi per la comparsa di deficit motori, con comparsa di ipotrofia dei muscoli dell’eminenza thenar, accompagnata da caduta di piccoli oggetti dalle dita (aghi, bottoni). Quadro radiografico e esami di laboratorio sono negativi, ciò che consente di fare diagnosi è l’elettromiografia.
Il trattamento nella fase iniziale si concreta nella terapia medica (antinfiammatori, antinevritici etc…) o nell’infiltrazione locale di cortisonici. Nei casi resistenti e in quelli nei quali l’EMG mostra maggiore danno è indicata la terapia chirurgica con sezione del legamento trasverso del carpo.
Molto efficace nel trattamento di questa patologia è la magnetoterapia che agisce, diminuendo l’infiammazione locale, grazie all’effetto vasodilatatore locale e alla normalizzazione della circolazione sanguigna, migliorando così il drenaggio; diminuendo il dolore , in parte per l’effetto diretto dei campi magnetici sulle terminazioni nervose e in parte per il miglioramento della circolazione e l’effetto antinfiammatorio che ne deriva e, infine, diminuendo l’infiammazione vera e propria, contribuendo, così, a ridurre la pressione sul nervo mediano.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420

Artrosi: segni, sintomi e terapia

Artrosi: segni, sintomi e terapia

Col termine artrosi si intende un’artropatia cronica, a carattere evolutivo, consistente in alterazioni regressive della cartilagine articolare e secondariamente in modificazioni delle altre strutture che compongono l’articolazione (tessuto osseo, sinovia, capsula).

Clinicamente si manifesta con dolore, limitazione funzionale atteggiamenti viziosi. Tutti e tre i sintomi compaiono di norma qualche mese dopo le alterazioni anatomopatologiche della cartilagine.

La patologia si instaura nel momento in cui, in un’articolazione, si verifica, per fattori generali o locali, uno squilibrio tra resistenza della cartilagine e sollecitazioni funzionali. 

I fattori generali sono: 

Età (modificazioni del ph del liquido sinoviale)

Ereditarietà

Fattori ormonali (in particolare gli estrogeni)

Obesità (sovraccarico delle articolazioni e accumulo di colesterolo)

Ambiente (abitazione, clima, condizioni di lavoro).

I fattori locali, invece, sono riconducibili a due gruppi fondamentali:

Concentrazione o alterata distribuzione delle sollecitazioni meccaniche sulla superficie articolare;

Alterazioni articolari prodotte da affezioni di natura infiammatoria (es. atrite reumatoide), post traumatica, da necrosi epifisarie. 

Distinguiamo, poi, due forme di artrosi: primaria, quando è riferibile solo a fattori generali, e secondaria, quando è riferibile solo a fattori locali. 

La sintomatologia è esclusivamente locale ed è di instaurazione subdola e tardiva, rispetto all’inizio della malattia ed evolve in maniera cronica, seppur con periodi di attenuazione e remissione. 

I sintomi principali sono: dolore locale, che si presenta in tre tempi, ossia vivo all’inizio del movimento (per esempio al mattino), si attenua durante l’attività funzionale, si riacutizza poi dopo affaticamento; nelle fasi più avanzate si fa ininterrotto, disturbando anche il riposo notturno; limitazione funzionale, che è costante e relativamente precoce, anche se non interessa ugualmente tutti i piani del movimento articolare; col passare del tempo può giungere fino alla abolizione completa del movimento. 

Il trattamento è di diverso tipo: medico, con antalgici, decontratturanti e antiflogistici e viene utilizzato nelle forme iniziali e nelle crisi di riacutizzazione; terapia fisica come calore, magnetoterapia, massaggi, ginnastica funzionale e trova indicazione nelle forme iniziali e in quelle più avanzate nelle quali non è ancora indicata la terapia chirurgica e come trattamento post e pre operatorio; terapia chirurgica con osteotomie, artroprotesi e artrodesi che vengono utilizzate in caso di particolari localizzazioni resistenti alla terapia medica e fisica. 

La magnetoterapia, nella fattispecie, viene molto utilizzata per il suo effetto antalgico. A differenza dei farmaci antinfiammatori, infatti, che creano azione vasocostrittrice, non portando nutrienti e sostanze proteiche alla cartilagine, la magnetoterapia aumenta l’irrorazione, aumentando, quindi, di conseguenza, l’apporto di nutrienti alla cartilagine. 

 
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su print
Print

Ultimi Articoli

Magnetoterapia e osteoporosi

L’osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con conseguente aumento della

Leggi articolo

Contattaci ora
per il noleggio Magnetoterapia

Servizio clienti disponibile tutti i giorni Dalle 08:00 alle 21:00

telefono 0810098420